GOOGLE: TRANSLATE PER ANDROID E’ IN 14 LINGUE

C’E’ ANCHE L’ITALIANO E NUOVE FUNZIONALITA’

(ANSA) – ROMA, 14 OTT – Altre 14 lingue, tra cui l’italiano, si aggiungono al servizio Modalità  di Conversazione un aggiornamento di Google Translate per Android lanciato a inizio anno solo in inglese e spagnolo, in grado di tradurre una conversazione tra persone di lingue diverse. “Stiamo lavorando per eliminare le barriere linguistiche, in modo che chiunque possa comunicare e connettersi più facilmente”, dice l’azienda di Mountain View sul suo blog. Per usare la modalità  di Conversazione basta pronunciare una frase al microfono del telefono e l’applicazione si occuperà  di riconoscere il messaggio ma anche di tradurlo e ripeterlo nella lingua selezionata. La persona con cui si sta conversando potrà  quindi rispondere nella propria lingua. C’é anche la possibilità  di correggere le parole riconosciute prima della traduzione, in modo da evitare errori dell’applicazione e di inserire nei dizionari parole non riconosciute e personalizzate. Ma Google avverte: l’applicazione è ancora in Alpha, quindi le traduzioni possono essere influenzate da rumori dell’ambiente e accenti. “Mentre continuiamo a lavorare per estendere la Modalità  di Conversazione anche ad altre lingue – dice infine Big G – Google Translate per Android supporta già  la traduzione di testi in 63 lingue, fra cui l’immissione vocale per 17 di queste e la sintesi vocale per 24. Google Traduttore è disponibile per tablet e smartphone Android 2.2. e successivi e lo si può scaricare dall’Android Market”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)