Lodo Mondadori/ Ministero chiede copia della sentenza d’Appello

Iniziativa degli ispettori dopo l’esposto di Fininvest

Milano, 17 ott. (TMNews) – Il ministero della Giustizia attraverso il capo degli ispettori Archibaldo Miller ha chiesto alla corte d’Appello di Milano copia della sentenza relativa al Lodo Mondadori e dei motivi del ricorso in Appello di Fininvest. L’iniziativa è una diretta conseguenza dell’esposto recentemente presentato da Marina Berlusconi per conto di Fininvest sia al ministero della giustizia sia al pg della Cassazione, entrambi titolari dell’azione disciplinare a carico dei magistrati. Nell’esposto Fininvest sosteneva che la corte milanese aveva “attribuito alla Corte di Cassazione una tesi in alcun modo ricavabile dal testo” usando “come decisivo un precedente giurisprudenziale che non esiste ma che viene creando attribuendo alla Cassazione una tesi mai espressa della Suprema corte”. Nel processo d’appello, Fininvest aveva avanzato tra le questioni pregiudiziali rispetto al merito il fatto che la vicenda del Lodo Mondadori era gia’ stata definita con sentenza del 1991 passata in giudicato e che quest’ultima non era stata rimossa dopo che uno dei tre giudici, Vittorio Metta, era stato condannato per corruzione. Cir infatti non ha presentato richiesta di revocazione della sentenza “corrotta”. Secondo Fininvest, la Corte d’Appello di Milano ha proceduto direttamente a valutare nel merito la questione – senza ritenere necessaria la revocazione della sentenza “corrotta” – richiamandosi a una decisione della Cassazione del 2007 per la causa Imi-Sir dove si sottolinea che “la presenza di un componente dell’organo giurisdizionale privo del requisito di imparzialita’ infirma la validita’ dell’intero iter decisionale per sua natura dialettico e sinergico”. In sostanza – è la lettura del testo della sentenza del luglio scorso riportata da Fininvest – la corruzione di un giudice di un collegio rende “invalida” la sentenza, anche se non revocata, e consente dunque ad un giudice civile una rivalutazione del merito della sentenza. La mossa del ministero insomma è una sorta di atto dovuto, dal momento che nè la sentenza d’appello che condannava Fininvest a risarcire Cir con 560 milioni di euro, nè i motivi del ricorso d’Appello erano stati allegati all’esposto. Al ministero dopo aver letto gli atti decideranno se chiedere o meno una relazione al presidente della corte d’appello di Milano. Si tratta di iniziative preliminari sia a una eventuale ispezione, sia all’avvio di un eventuale azione disciplinare.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi