MEDIATRADE: GHEDINI, DECISIONE RARA MA UNA RONDINE NON FA PRIMAVERA

(ASCA) – Milano, 18 ott – Dal tribunale di Milano, almeno per una volta, e’ stata presa ”una decisione rara” nei confronti di Silvio Berlusconi, anche se ”una rondine non fa primavera”. Questo il primo commento di Niccolo’ Ghedini, avvocato difensore del premier e deputato Pdl, sul verdetto di proscioglimento emesso dal gup Maria Grazia Vicidomini nei confronti del capo del governo al termine dell’udienza preliminare sul cosiddetto caso Mediatrade. Insomma, a giudizio del difensore del premier, anche dopo questo verdetto di proscioglimento ”non cessa l’accanimento di Milano” nei confronti di Silvio Berlusconi. L’avvocato deputato rifiuta l’etichetta di ”vittoria” per la difesa Berlusconi: ”Piu’ che una vittoria – e’ il suo parere – e’ una decisione rara che prende atto delle risultanze processuali. E’ stato cosi’ perche’ abbiamo trovato un giudice che ha avuto voglia di ascoltarci”. Di certo, per la difesa Berlusconi, non e’ stata una decisione attesa: ”Piu’ che aspettarcelo – confessa Ghedini – lo auspicavamo”. Di certo, a giudizio del legale di Berlusconi, ”ora questo proscioglimento dovrebbe impattare anche sul processo Mediaset”. Silvio Berlusconi, ha detto ancora il legale, e’ stato informato immediatamente della sentenza di proscioglimento che lo riguarda: ”Abbiamo sentito poco fa Berlusconi solo per informarlo. Il premier non ha detto niente”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi