EDITORIA: BONAIUTI, TAGLIO DEL 50% A CONVENZIONI RAI

(ASCA) – Roma, 19 ott – Un taglio del 50% alle convenzioni Rai relative alle minoranze linguistiche e a Rai International. Lo annuncia il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’editoria, Paolo Bonaiuti, nel corso della sua audizione in commissione Cultura alla Camera. Bonaiuti conferma che il pagamento arretrato dei contributi diretti per l’editoria per il 2011 sara’ pari al 90%, ma ”nel 2012 partiamo da 194 milioni di euro”. Il Tesoro, avverte, ”ha minacciato un taglio che dovrebbe aggirarsi tra il 30 e il 50%. Un taglio per tutti i ministeri, non solo per il comparto dell’editoria”. Comunque, prosegue Bonaiuti, ”stanno ancora lavorando sulle tabelle” e ”noi stiamo lottando per ottenere il meglio” Su questa cifra, continua, ”noi dobbiamo pagare anche il rateo del debito Poste, pari a 50 milioni di euro quest’anno. Chiedero’ un taglio anche qui”. C’e’ poi l’incidenza nel settore delle convenzioni Rai per le minoranze linguistiche e per Rai International. Bonaiuti annuncia che inviera’ una lettera al direttore generale della Rai per comunicare un taglio del 50%. ”Il valore di queste convenzioni – spiega il sottosegretario – e’ di 45 milioni e 21-22 dovrebbero andare a Rai international”. Insomma, ”questi sono i paletti entro i quali mi devo muovere – prosegue Bonaiuti – e sono paletti molto stretti, in una situazione di scarsita’ di fondi che riguarda tutto il mondo e tutti i settori. Bisogna andare a ricercare gli sprechi e tagliare – conclude il sottosegretario – tenendo fermi due principi insostituibili: l’occupazione di giornalisti e poligrafici e le vendite effettive”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi