Guido Chiovato, group managing director di Leo Burnett Italia

Ottobre 2011 – Guido Chiovato è stato nominato group managing director di Leo Burnett Italia, l’agenzia di pubblicità  dove assume la responsabilità  delle tre sedi italiane del gruppo. Chiovato, classe 1961, è entrato in Leo Burnett nel 2006 per dirigere la sede di Torino approdando a questa mansione dopo una carriera ultra ventennale come creativo e direttore creativo in importanti network internazionali. Nel suo curriculum ci sono Mc Cann Erickson, Benton&Bowles, Dmb&B e Ogilvy&Mather. Nei cinque anni di lavoro, la sede torinese ha raddoppiato la sua dimensione, si è confermata Agency of Record per i marchi Fiat, Fiat Professional, Alfa Romeo, Jeep e Iveco in Europa. Dal 2009 Chiovato è diventato responsabile anche della sede romana dell’agenzia che oggi, oltre alle discipline tradizionali, è centro di eccellenza del network Leo Burnett Ww per il design, la pos architecture, e lo shopper marketing. Da marzo di quest’anno la sede romana conta anche sull’importante contributo del nuovo direttore generale Fabio Bianchi. Con l’ampliamento delle responsabilità  di Guido Chiovato, la sede di Torino si rinforza con la nomina a direttori generali di Riccardo Vavalà , 36 anni in Leo Burnett da quattro e di Davide Colombo, di 45 anni, in arrivo da Armando Testa. Alla direzione generale della sede di Milano è confermato Romeo Repetto che, a due anni dalla sua nomina, ha conseguito importanti risultati sia di business sia di performance della sede.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Luciano Maria Gandini, responsabile relazioni esterne e comunicazione di gruppo di Amiu Genova

Luciano Maria Gandini, responsabile relazioni esterne e comunicazione di gruppo di Amiu Genova

Eugenio Cecchin, managing director di Bmi Italia

Eugenio Cecchin, managing director di Bmi Italia

Alessandro Profumo alla guida di Asd. “Riconoscimento importante per Leonardo e per l’Italia”

Alessandro Profumo alla guida di Asd. “Riconoscimento importante per Leonardo e per l’Italia”