TV/ASCOLTI: RAI, NUOVA VITTORIA PER ‘DON MATTEO 8’ IN PRIMA SERATA

(ASCA) – Roma, 21 ott – Ancora un grandissimo risultato per la fiction ”Don Matteo 8”, trasmessa su Rai1 ieri, giovedi’ 20 ottobre, che ha stravinto il prime time avendo ottenuto nel primo episodio 7 milioni 535 mila spettatori e uno share del 26.00 e nel secondo 6 milioni 530 mila con il 27.57. La serata televisiva prevedeva su Rai2 il primo appuntamento con il ciclo di film di Indiana Jones ”I predatori dell’arca perduta” che e’ stato visto da 2 milioni 241 mila spettatori e uno share dell’8.08. Su Rai3 il programma ”Mi manda Raitre” ha raggiunto 1 milione 258 mila spettatori e uno share del 4.74. In seconda serata ”Porta a porta” ha vinto la fascia orara con 1 milione 611 mila spettatori e uno share del 20.91. Da segnalare l’ottimo risultato su Rai1 per il programma di Veronica Mayo ”Verdetto finale” che alle 14.20 ha registrato 2 milioni 19 mila spettatori e uno share del 13.94. Bene nell’access prime time ”Qui Radio Londra” con 4 milioni 57 mila e il 15.83 e su Rai3 alle 7.30 ”Buongiorno Regione” con 829 mila e il 14.07. Le reti Rai si sono aggiudicate gli ascolti complessivi nella prima serata con 11 milioni 543 mila spettatori e uno share del 40.29; in seconda serata con 4 milioni 622 mila e il 39.90 e nell’intera giornata con 4 milioni 343 mila e il 41.09.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi