INTERCETTAZIONI: SPATARO, MAGISTRATI NON PILOTANO PUBBLICAZIONE

(AGI) – Catania, 21 ott. – “Abuso nelle intercettazioni? No lo escludo. Non condivido questa idea e l’ho detto a una mia collega milanese, spiegando che non ho assolutamente condiviso quanto da lei affermato. Sono i giudici che valutano i provvedimenti dei pubblici ministeri e bisogna rispettare le loro decisioni”. Cosi’ il procuratore aggiunto di Milano, Armando Spataro, a margine del congresso nazionale dell’Associazione italiana giovani avvocati a Catania. “Sulle intercettazioni – ha osservato Spataro – la situazione e’ semplice: dal 1998 c’e’ un progetto di legge che prevede di tutelare la privacy estendendo il regime di segretezza fino a quando un giudice in camera di consiglio ascolta pm e avvocati, decide quali siano quelle rilevanti e sulle altre rimane il segreto. Una norma di quattro righe che non si approva perche’ il tema della privacy paga sul piano mediatico e lo si usa e se ne abusa per il semplice fine di destrutturare le intercettazioni che servono contro ogni tipo di criminalita’ e, in particolare, rispetto ai crimini dei cosiddetti ‘colletti bianchi'”. Spataro ha contestato anche l’affermazione che i verbali sarebbero passati da magistrati ai giornalisti: “Chi dice questo non spiega alla gente che nel momento in cui gli atti sono depositati per gli avvocati cade la loro segretezza, quindi il giornalista che ne pubblica una sintesi non commette reato. Allora si intervenga su questi temi e non si lasci passare l’idea che siano fughe pilotate da magistrati, e’ offensivo questo oltre che falso”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)