vice direttore di ‘Myself’

Dopo trent’anni di lavoro nei femminili cominciava ad assaporare l’idea di dare una svolta alla sua vita, ma a riacchiapparla ci ha pensato la Condé Nast. Per un femminile, appunto: il nuovo Myself, di cui è vice direttore dal 1° luglio. Nata a Padova il 2 agosto 1958, cresciuta a Milano, studi di filosofia interrotti alle soglie della tesi, Venturi ha iniziato nel 1979 al Manifesto per poi passare nell’84 a Magazine, l’agenzia fondata da Beppe Viola. Nel mondo dei femminili la prima a mettere gli occhi su di lei è Vera Montanari, che l’assume a Dolly nell’ottobre dell’86 e nel marzo dell’88 la porta con sé alla neonata Marie Claire perché si occupi di attualità  e di cinema. Al femminile della Mondadori rimane anche con la direzione di Kicca Menoni, dal dicembre ’94, diventando prima caposervizio nell’ufficio centrale e poi vice caporedattore. Quando nel settembre 2002 la testata passa ad Hachette Rusconi e Montanari riprende la direzione, Venturi è di nuovo con lei come vice direttore attualità . In tutto fanno 14 anni, inframmezzati da un periodo di lavoro a Londra a Marie Claire Uk (con la mitica Glenda Bailey) e poi a Marie Claire Australia. Cosa che si spiega col fatto che Venturi è un’anglofila praticante, una gran viaggiatrice e per di più ha sposato uno steward australiano col quale da tempo divide la vita tra Milano e Sidney.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 421 – ottobre 2011

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Battaglia continua sulle rassegne stampa. Consiglio di Stato respinge ricorso urgenza Eco della stampa

Battaglia continua sulle rassegne stampa. Consiglio di Stato respinge ricorso urgenza Eco della stampa

Conflitto di interessi, la proposta di legge: “Stop ai direttori dei giornali in Parlamento”

Conflitto di interessi, la proposta di legge: “Stop ai direttori dei giornali in Parlamento”