Lundquist Csr online awards Italy 2011

Il 24 ottobre 2011, è stato presentato il Csr Online Awards Italy 2011, studio sulla comunicazione online della Responsabilità  Sociale d’Impresa (Csr). Lo studio, giunto alla quarta edizione, ha valutato come le 50 maggiori società  quotate italiane utilizzano il proprio sito istituzionale per comunicare la propria CSR. La classifica 2011 proclama vincitrice Telecom Italia che ha totalizzato 82 punti su un massimo di 100 (+13 punti rispetto al 2010). Sul podio seguono Fiat SpA (79,5 punti) al secondo posto ed Eni e Hera (79 punti) entrambe in terza posizione. Il resto della top 10 è composto da: Terna, UniCredit, Enel, Snam Rete Gas, Intesa Sanpaolo e Banca MPS. Da notare il netto miglioramento di Intesa Sanpaolo (+29,5 punti) e di Edison (+14,5).
Sono stati rilevati, inoltre, i risultati della ricerca CSR Online Awards Europe 2011, che comprende 100 società  dell’indice FTSE Eurotop, in cui sono incluse sette società  italiane. Ben cinque società  italiane entrano nella top10: Telecom al secondo posto seguita da Eni al terzo. UniCredit a parimerito con Nestlé in quinta posizione seguita da Enel in settima e Intesa Sanpaolo in ottava.

– Csr Online Awards Italy 2011 (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rinascimento Digitale. Presentato il MANIFESTO programmatico della Federazione Digitale Italiana

Rinascimento Digitale. Presentato il MANIFESTO programmatico della Federazione Digitale Italiana

TOP 15 INFLUENCER. A giugno di Ferragni, Fedez e Vacchi i post più popolari (e pagati). New entry Vasco Rossi, Sfera Ebbasta e Marta Losito

TOP 15 INFLUENCER. A giugno di Ferragni, Fedez e Vacchi i post più popolari (e pagati). New entry Vasco Rossi, Sfera Ebbasta e Marta Losito

Agcom: SIC 2020 vale 50 miliardi, -6 causa Covid; perso un miliardo di ricavi adv; online cresce il peso delle piattaforme, cala quello dei publisher

Agcom: SIC 2020 vale 50 miliardi, -6 causa Covid; perso un miliardo di ricavi adv; online cresce il peso delle piattaforme, cala quello dei publisher