RAI: OLTRE 6 MILIONI PER FICTION ‘DOVE LA TROVI UNA COME ME?’

(AGI) – Roma, 25 ott. – Ascolti record in prima serata su Rai1 ieri, lunedi’ 24 ottobre, per la seconda e ultima parte della fiction “Dove la trovi una come me?”, interpretata da Gabriella Pession e Daniele Pecci con la regia di Giorgio Capitani, che e’ stata il programma piu’ visto con un totale di 6 milioni 121mila telespettatori, pari al 21.62 di share. Su Rai2 la puntata di “Voyager – Indagare per conoscere”, il programma condotto da Roberto Giacobbo, ha ottenuto 2 milioni 269mila telespettatori e l’8.14 di share. Il film di Rai3 “Sfida senza regole” ha realizzato 1 milione 536mila telespettatori e uno share del 5.29. Nell’access prime time di Rai1 “Qui Radio Londra” ha ottenuto 4 milioni 660mila telespettatori con il 16.59 di share; a seguire, il game show “Soliti ignoti” ha totalizzato 5 milioni 232mila telespettatori, pari al 17.64 di share. In seconda serata su Rai1 la puntata di “Porta a porta” e’ stata seguita da 1 milione 329mila telespettatori, pari al 12.85 di share. La puntata di “Correva l’anno”, su Rai3, ha realizzato 749mila telespettatori (share 4.14). Da segnalare su Rai1 “La vita in diretta”, leader del pomeriggio con il 25.10 di share pari a 2 milioni 473mila telespettatori realizzati dalla prima parte e il 21.48 con 2 milioni 559mila dalla seconda. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi