INTERNET: CORTE UE, DANNI DIFFAMAZIONE ONLINE IN PIU’ STATI

RISARCIMENTI VITTIME POSSIBILI IN TUTTI PAESI DOVE C’E’ DANNO

(ANSA) – BRUXELLES, 25 OTT – Chi è vittima di diffamazione su internet può chiedere risarcimento in ogni Stato membro dove ritiene di aver subito il danno: è quanto ha stabilito oggi la Corte di giustizia della Ue. “La vittima di lesioni dei diritti della personalità  via Internet può adire i giudici dello Stato membro in cui risiede per la totalità  del danno subito”, ma può anche “adire i giudici di ciascuno Stato membro sul cui territorio un’informazione messa in rete sia accessibile oppure lo sia stata”, si legge in una sentenza della Corte. Il regolamento sulla competenza giurisdizionale, spiega la Corte, prevede che le persone domiciliate nel territorio di uno Stato membro, in linea di principio, siano convenute dinanzi ai giudici di tale Stato. Tuttavia, in materia di illeciti civili dolosi o colposi, “una persona può essere convenuta anche in un altro Stato membro dinanzi al giudice del luogo in cui l’evento dannoso si è prodotto o può prodursi”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)