Tv/Ascolti: Rai, vittoria in prima serata con Virna Lisi

(ASCA) – Roma, 26 ott – Grande serata per le reti Rai quella di ieri, martedi’ 25 ottobre, che ha visto la netta vittoria su Rai1 della terza puntata della fiction ‘La donna che ritorna’, interpretata da Virna Lisi, con 5 milioni 898 mila spettatori e uno share del 20.22%. Su Rai2 il doppio appuntamento con il telefilm ‘Criminal minds’ ha visto il primo episodio ottenere 2 milioni 309 mila spettatori e uno share del 7.36% e il secondo 2 milioni 627 mila con l’8.63%. Ascolti a livelli record su Rai3 per il programma di Giovanni Floris ‘Ballarò’ che si e’ piazzato secondo nella classifica dei piu’ visti con 5 milioni 273 mila spettatori e uno share del 18.57%. Da segnalare su Rai1 ‘Qui Radio Londra’ con 4 milioni 562 mila spettatori e uno share del 15.84%; ‘Soliti ignoti’ con 5 milioni 221 mila e il 17.23% e in seconda serata ‘Porta a porta’ con 1 milione 552 mila e il 14.29%. Su Rai3 alle 7.30 l’informazione di ‘Buongiorno Regione’ ha registrato 766 mila e il 12.06%. Le reti Rai si sono aggiudicate complessivamente gli ascolti in prima serata con 13 milioni 420 mila spettatori e uno share del 44.04%; in seconda serata con 5 milioni 425 mila e il 42.90% e nell’intera giornata con 4 milioni 605 mila e il 41.51%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi