EDITORIA: RICERCA, QUOTIDIANI ANACRONISTICI PERDONO CON WEB

Condividi

CRONACA RESISTE SU STAMPA; POLITICA, ECONOMIA E ESTERI SU RETE

(ANSA) – MILANO, 26 OTT – Il 63% dei lettori continua a preferire la carta stampata per leggere notizie di cronaca e il 61% per approfondire temi culturali, mentre si informa sul web l’88% per quanto riguarda l’economia, il 76% per la politica e il 79% di chi vuole sapere cosa succede all’estero. E’ quanto emerge da un sondaggio effettuato, via e-mail e controllo dati a ottobre 2011, dall’Osservatorio giornalistico Mediawatch su un campione di 1.015 persone fra i 18 e i 65 anni. Agli intervistati è stato chiesto, a seconda dell’argomento, se si informassero sul web o sulla carta stampata. La motivazione più ricorrente data dagli intervistati sulla difficoltà  a continuare a informarsi sui quotidiani tradizionali sono “‘l’anacronismò della carta stampata che presenta le notizie in differita rispetto al web e l’impossibilità  di aggiornare le notizie in tempo reale”. “Temo che molti quotidiani in carta stampata avranno sempre più difficoltà  a mantenere e conquistare lettori e dovranno inventare forme innovative anche di servizio a chi li acquista”, dice il presidente dell’Osservatorio Carlo Vittorio Giovannelli. “I dati – conclude Giovannelli – sono significativi: gli italiani leggono le loro informazioni quotidiane sempre meno sulla carta. L’unico tipo di stampa che potrebbe reggere la sfida con il web sarà  quella periodica per il taglio di approfondimento”.(ANSA).