Nel nuovo programma di Santoro ci sarà  anche Sandro Ruotolo

Roma, 29 ott. (TMNews) – “Michele, Marco, Vauro. E che volevate partire senza di me? Un momento, un attimo, ci sono anch’io, mica mi potevo perdere questa nuova avventura”. Con un video sul sito di Servizio pubblico, il nuovo programma di Michele Santoro, anche Sandro Ruotolo annuncia il suo divorzio dalla Rai e l’approdo al nuovo programma che partirà  giovedì su una multipiattaforma tv e web. “Il 31 ottobre si conclude il mio rapporto di lavoro con la Rai, ma certamente non si conclude il mio rapporto sentimentale con una azienda che mi ha dato tanto ma a cui certamente anche noi abbiamo dato una parte fondamentale delle nostre vite”, dice il giornalista. E poi, via ai ricordi, “quanti”. Ruotolo cita “Libero Grassi e le battaglie contro la mafia, i minatori del Sulcis, gli operai della Fincantieri, le nostre battaglie per la libertà  di informazione”. “Noi abbiamo sempre detto che solo il pubblico era il nostro padrone e invece in Rai sono i partiti che decidono la vita e la morte di un programma, l’avvenire di un comico, di un giornalista o di un autore”, prosegue. E spiega: “la nostra scelta di lasciare la Rai deriva dal divorzio che si sta consumando tra i cambiamenti del paese ed il servizio pubblico”. Di qui, la decisione di approdare sul nuovo programma: “in bocca al lupo Servizio pubblico. Ci vediamo giovedì”, conclude Ruotolo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi