LICENZIAMENTI: GASPARRI, CERTA TV PUO’ ALIMENTARE VIOLENZA

(ANSA) – ROMA, 31 OTT – “Non va sottovalutato l’errore di alimentare un clima di violenza sui temi del lavoro e del confronto sociale. L’Italia ha già  conosciuto stagioni difficilissime in passato. E in questi giorni, anche in trasmissioni televisive, linguaggi violenti sembrano quasi preparare il terreno a momenti di ancora maggiore tensione”. Lo afferma il capogruppo del Pdl al Senato Maurizio Gasparri che sottolinea come “sulla rete internet immagini di Berlusconi accostate ad altri protagonisti della vita internazionale, per non parlare del manichino insanguinato ritrovato in Galleria a Milano, sembrano quasi voler auspicare vere e proprie aggressioni, che, del resto, ci sono già  state”. “Si consenta piuttosto – chiede Gasparri – un libero confronto sui temi del lavoro e dell’impresa. Senza indulgere in aggettivi, forzature ed atteggiamenti che anche nel passato hanno prodotto effetti devastanti sulle menti più bacate”. “L’Italia – ricorda Gasparri – è un grande paese democratico nel quale deve essere possibile discutere di ogni tema liberamente. Parlare di ciò che l’Unione Europea ci sollecita a fare non deve essere considerato inammissibile. Ne tengano conto tutti coloro che, nel campo sindacale, politico e della comunicazione hanno grandi responsabilità “. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi