IRAN: STAMPA, CENSURA SU SMS ANCHE PER PAROLA ‘STORIA’

Condividi

(ANSA) – TEHERAN, 30 OTT – La censura in Iran riguarda anche i messaggini dei cellulari. Lo rende noto l’agenzia semiufficiale Isna, che cita il parlamentare Ali Akbar Olia. A rendere impossibile la ricezione di alcuni sms sarebbero in particolare, precisa l’Isna, parole come ‘responsabile dei governatorati’, ‘deputato’ e anche ‘storia’. “Non voglio dire che si tratti di una censura”, ha spiegato da parte sua Olia, confermando però che talvolta alcuni sms non possono essere inviati per la presenza di certe parole, fra cui anche quella che indica una riunione di persone. “Ne ho parlato con il ministro delle telecomunicazioni – ha proseguito il deputato – ma ha detto di non essere competente in materia”. Il controllo delle comunicazioni in internet e sui cellulari é da tempo una realtà  in Iran, e il primo annuncio dell’intenzione di filtrare gli sms, per garantirne la moralità  dei contenuti, risale al 2007. La censura più immediatamente visibile rimane però quella su internet, che impedisce l’accesso ad alcuni siti e social network, offrendo in alternativa una schermata con una lista di indirizzi consigliati. La questione è uno dei temi caldi nei difficili rapporti tra Teheran e gli Usa, che di recente hanno confermato, con le ultime dicharazioni del segretario di Stato Hillary Clinton, gli aiuti offerti agli utenti iraniani per aggirare le censure, e hanno annunciato l’intenzione di aprire sul web una propria ambasciata “virtuale”. (ANSA).