I direttori di centinaia di giornali che rischiano la chiusura scrivono a Giorgio Napolitano

29 ottobre 2011 – I direttori dei settimanali Fisc sottoscrivono la lettera inviata con centinaia di loro colleghi al Capo dello Stato riguardante i tagli al Fondo per l’editoria decisi dal Governo. Una misura che, se non rivista, comporterà  la chiusura di molte testate di grande valore culturale e la perdita di migliaia di posti di lavoro. I firmatari chiedono un incontro con il presidente Napolitano.

Il testo integrale della lettera.
Signor Presidente,
ci rivolgiamo a Lei, nella Sua qualità  di più autorevole rappresentante e custode della democrazia costituzionale per significarLe il rischio imminente di chiusura che coinvolge un centinaio di giornali politici, cooperativi, non profit e di idee e la conseguente perdita del lavoro per svariate migliaia di giornalisti e poligrafici.
Questo gravissimo evento sarà  la conseguenza inesorabile del taglio del Fondo per l’editoria deciso dal Governo, se non interverranno immediate misure atte a ripristinarlo, sia pure nell’entità  – peraltro assai modesta e nel tempo già  considerevolmente ridotta – stabilita per gli anni precedenti. Chi Le scrive è perfettamente consapevole dei problemi di bilancio dello Stato e della necessità  di ridurre la spesa pubblica, eliminando ogni fonte di spreco. Anche nel mondo dell’editoria, dove è indispensabile un’opera di bonifica per distinguere, sulla base di rigorosi criteri, i giornali «veri » dalle testate inventate a bella posta per lucrare sulle erogazioni pubbliche. Abbiamo da anni indicato soluzioni di maggior rigore e trasparenza, idonee ad evitare lo sperpero di denaro pubblico. Il recente Regolamento solo in parte le ha recepite, pertanto mentre chiediamo l’adeguamento del Fondo torniamo a proporre ulteriori criteri per consentire da un lato risparmi o e dall’altro una più rigorosa selezione nell’accesso alle risorse.
Senza questo intervento, il taglio “lineare” prodotto sortirà  il risultato di buttare il bambino con l’acqua sporca.
Siamo certi, Signor Presidente, che comprenderà  quale vulnerazione democratica si determinerebbe se il pluralismo dell’informazione subisse un’amputazione delle proporzioni annunciate.
In edicola rimarrebbero i giornali che hanno alle spalle editori potenti, che drenano pressoché tutta la pubblicità , compresa quella degli inserzionisti istituzionali. Il perimetro dell’informazione si comprimerebbe drasticamente, rimanendo appannaggio di pochi gruppi privilegiati.
Il tempo a disposizione per evitare il tracollo è talmente breve che già  domani sarebbe troppo tardi. Per questo, Signor Presidente, noi che rappresentiamo testate del più diverso orientamento culturale e politico, Le chiediamo un intervento utile a scongiurare un epilogo disastroso.
Nella nostra qualità  di direttori dei giornali sottoscrittori della presente, Le chiediamo anche di volerci incontrare, in modo da rendere vieppiù chiari i termini delle nostre valutazioni e delle nostre proposte. Con stima.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Libri, mercato in recupero dopo lockdown: perdite ridotte di 4 punti tra luglio e settembre. Aie: adattamento al contesto

Libri, mercato in recupero dopo lockdown: perdite ridotte di 4 punti tra luglio e settembre. Aie: adattamento al contesto

Nel 2023 la svolta per i giornali, con adv digital che superera quella su carta. PwC: con Covid ricavi in calo drastico per i media; ripresa in 5 anni

Nel 2023 la svolta per i giornali, con adv digital che superera quella su carta. PwC: con Covid ricavi in calo drastico per i media; ripresa in 5 anni

Dl agosto in Gazzetta Ufficiale. Credito di imposta su pubblicità e carta e contributi diretti, cosa cambia per il settore editoria

Dl agosto in Gazzetta Ufficiale. Credito di imposta su pubblicità e carta e contributi diretti, cosa cambia per il settore editoria