Rai/ Rizzo Nervo:No miope a collegamento con Santoro,io lo vedrò

Tanti con me. Per timore politico non trasmetteremo il programma

Roma, 2 nov. (TMNews) – Avevo chiesto che anche la Rai si associasse al network di televisioni che hanno deciso di trasmettere il programma di Michele Santoro. Per miopia aziendale e timore politico sono rimasto inascoltato. Domani sera, comunque, io vedrò Michele Santoro e sono convinto, e spero, che saranno in molti a fare la mia stessa scelta”. Lo afferma in una nota il consigliere d’amministrazione Rai nino rizzo Nervo. “Vedrò Santoro – sottolinea Rizzo Nervo – per affermare quanto sia necessario difendere l’autonomia e l’indipendenza della Rai; vedrò Santoro per denunciare lo stato di debolezza in cui è stato ridotto il servizio pubblico; vedrò Santoro per sottolineare la totale mancanza di rispetto che il vertice Rai, sul quale ricade la responsabilità  di aver creato le condizioni per cancellare una trasmissione di successo, ha dimostrato nei confronti dei sei milioni di italiani che tutti i giovedì sceglievano Annozero”. “La perdita in pochi mesi di Michele Santoro, di Roberto Saviano, di Serena Dandini, di Paolo Ruffini, di trasmissioni di grande seguito come “Vieni via con me” o di rigoroso servizio pubblico come “Passepartout” – conclude il consigliere – è stato puro autolesionismo di un vertice che sinora si è distinto soltanto nel rinunciare a pezzi pregiati di programmazione per assecondare i diktat della politica”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi