RomaFilm/Alemanno: respingiamo inviti a modificare kermesse

“Possiamo collaborare per far crescere mercato cinematografico”

Roma, 2 nov. (TMNews) – “Non possiamo accettare e respingiamo al mittente qualsiasi invito a modificare la struttura del festival” del cinema di Roma. Così il sindaco della Capitale Gianni Alemanno ha risposto al ministro dei Beni Culturali, Giancarlo Galan, che questa mattina, dalle pagine del Corriere della Sera, è tornato ad attaccare la kermesse romana. “Per il festival – ha aggiunto Alemanno – non cambieremo la strada che abbiamo intrapreso in questi anni, che è di crescita sia economica che di pubblico. Peraltro, la decisione di renderlo un festival con un concorso è stata presa durante la nostra amministrazione”. In conclusione “la mia risposta a Galan è questa – dice il sindaco – possiamo sicuramente collaborare per far crescere il mercato cinematografico di Roma, che lo stesso ministro ha riconosciuto come unico in Italia”. “Quindi – ha concluso – bisogna lavorare e fare in modo che il ministro ci possa aiutare da questo punto di vista”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo