INTERNET: CASSON, TRA BREVE IMPOSSIBILE LOTTA A CYBERCRIME

Condividi

STANNO FINENDO INDIRIZZI IP, MOZIONE PER RISORSE

(ANSA) – ROMA, 2 NOV – “Stanno finendo gli indirizzi IP e a breve in Italia non sarà  più possibile condurre la lotta al cyberterrorismo e al cybercrime”. A lanciare l’allarme è il senatore Felice Casson, vicepresidente del gruppo Pd, che ha depositato una mozione con la quale si chiede al governo di “stanziare adeguate risorse per l’aggiornamento delle infrastrutture tecnologiche in dotazione agli operatori della sicurezza rese obsolete dal passaggio da IPv4 a Ipv6”. “L’indirizzo IP – spiega – è una sorta di ‘targa’ che consente di identificare l’autore di ciascuna condotta tenuta in Rete, oggi fondata sul sistema IPv4 che, articolandosi sulla combinazione di 32 byte, può assegnare al massimo 232 indirizzi distinti. Tale numero massimo di indirizzi IP è prossimo all’esaurimento, in ragione dell’avvenuta assegnazione di quasi tutte le combinazioni disponibili”. “Il passaggio al protocollo IPv6, sistema idoneo a garantire la disponibilità  di nuovi indirizzi, necessità  però di un adeguamento degli strumenti di controllo e monitoraggio altrimenti è evidente che la saturazione degli indirizzi IP disponibili renderà  oltremodo difficili – se non impossibili – le indagini volte all’accertamento non solo di fenomeni quali cyber-crime, cyber-espionage e cyber-terrorism, ma più in generale – conclude – di qualsiasi tipo di illecito per la cui realizzazione l’autore abbia fatto ricorso alla Rete”.