Editoria: Murgia (Pdl), no ai tagli e premi a chi investe sul web

(AGI) – Roma, 3 nov. – “E’ necessario che il Governo faccia un passo indietro sui tagli al fondo per l’editoria. L’annunciata diminuzione lineare di questa voce del bilancio dello Stato mette in pericolo il pluralismo dell’informazione e la sorte di quattromila lavoratori tra giornalisti, grafici ed amministrativi”. Questa l’opinione del deputato del Pdl Bruno Murgia a proposito della drastica riduzione di risorse che potrebbe abbattersi sul Dipartimento per l’editoria della Presidenza del Consiglio. “Senza contromisure rischiano di chiudere nell’immediato decine di testate politiche, edite da cooperative di giornalisti – spiega il componente della Commissione cultura – Realta’ che spesso pagano le storture del mercato della pubblicita’ italiano, sbilanciato a favore della televisione. In un’ottica di maggior rigore e’ necessario pero’ individuare nuovi criteri che permettano una piu’ rigorosa selezione nell’accesso al finanziamento pubblico”. “In passato si e’ spesso permesso che potessero accedere alle agevolazioni periodici con redazioni fittizie o con diffusione irrisoria – conclude Bruno Murgia – Per il futuro si potrebbe pensare di premiare chi utilizza le nuove tecnologie o chi opera sul web. Misure che servirebbero da stimolo per l’intero comparto, favorendo quindi l’aumento dei posti di lavoro”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi