TV: DIGITALE; MENDUNI, RISCHIO DESERTO INIZIATIVE LOCALI

(ANSA) – FIRENZE, 4 NOV – Con lo switch off e il passaggio al digitale terrestre si rischia “una forma di desertificazione dell’iniziativa comunicativa locale”. Lo ha affermato Enrico Menduni, ordinario di Culture e Formati della Televisione e della Radio all’Università  di Roma Tre, parlando a margine di un convegno sul digitale terrestre tenutosi a Firenze. “Il digitale terrestre – ha detto – si accompagna a una redistribuzione del potere televisivo impressionante”. Secondo Menduni infatti “le emittenti locali rischiano di essere marginalizzate o di sparire, cosa che vuol dire una diminuzione della biodiversità  informativa, e potrebbe arrivare a una forma di desertificazione dell’iniziativa comunicativa locale. La sopravvivenza delle piccole emittenti locali e provinciali va molto al di là  delle loro stesse dimensioni, è un fatto di pluralismo, di libertà , di cultura”. Il digitale terrestre invece “sta potenziando – ha osservato lo studioso – quelle emittenti nazionali che sono in grado di effettuare la televisione a pagamento. Per adesso ce n’é una sola, Mediaset, che con Sky sta facendo la parte del leone perché sono riuscite a procacciarsi il ricco mercato dei pagamenti degli utenti. La Rai rimane al palo, e le emittenti locali non sono certo in grado di mettere su questa nuova forma di ricavo che attualmente è la più promettente”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi