RAI: USIGRAI,PERCHE’ VERTICI STANNO A GUARDARE SU MINZOLINI?

(ANSA) – ROMA, 8 NOV – “Neanche nello Zimbabwe un editoriale pro sovrano come quello di Minzolini: ieri sera l’asservimento privato e il disservizio pubblico già  conclamati hanno trovato nella spiegazione di un’assoluta mancanza di alternativa a Berlusconi la sublimazione del kamikaze. Ma il punto non è scoprire ogni volta quale Tg1 faccia Minzolini, perché ormai è una non notizia. Il problema è capire perché i vertici aziendali restino a guardare per arrivare sempre allo stesso punto”. E’ quanto sottolinea Carlo Verna, segretario dell’Usigrai. Per Verna, “occorre cambiare la legge sulla governance per sottrarre la Rai alla proprietà  della maggioranza politica di turno, che potrà  avere più o meno pudore (in questo caso non ce ne è alcuno ), ma sempre proprietaria a danno dei cittadini sarà . Il servizio pubblico così muore. Un’ ultima amara notazione sta in quel che è accaduto in Vigilanza, quando recentemente dopo le sacrosante proteste del presidente della Camera Fini si è parlato del Tg1. A leggere i giornali all’indomani sembrò che il problema fosse, invece, un altro telegiornale della Rai. Qualcuno, che pure giornalista è, e non certo i colleghi che hanno scritto e titolato, dovrà  fare autocritica e chiedere scusa. O no presidente Garimberti?”, conclude. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi