DT: VINTI (UMBRIA), RISCHIO SWITCH OFF SENZA FREQUENZE

(AGI) – Perugia, 9 nov. – Mentre mancano solo 8 giorni al fatidico switch off, e cioe’ al passaggio dell’Umbria dal sistema analogico al digitale terrestre, il ministero per lo Sviluppo Economico non ha ancora assegnato le frequenze alle televisioni locali e regionali. “Il rischio – afferma l’assessore regionale Stefano Vinti – e’ che, nonostante gli sforzi e l’impegno della Regione, che peraltro non ha specifiche competenze in materia, si arrivi al 17 novembre, data di inizio, senza che le diverse emittenti locali presenti in Umbria abbiano avuto la possibilita’ di procedere agli adeguamenti tecnici indispensabili per l’avvio del nuovo sistema. Se non si assegnano le frequenze tutto e’ bloccato. Le tv locali non avranno neanche la possibilita’ di verificare con tempo la copertura del segnale nel territorio e quindi far fronte ad eventuali inconvenienti. E di tempo ce n’e’ rimasto veramente poco”. L’assessore Vinti, che ha gia’ sollecitato il ministero per una soluzione rapida, si dice “preoccupato per il mancato riscontro e quindi per le conseguenze che un tale ritardo possano avere sull’informazione locale”. “Quello che sta succedendo in Toscana, dove, con il passaggio in corso, sono disponibili soltanto 18 frequenze per 56 emittenti – prosegue l’assessore -, potrebbe diventare un precedente realistico. Bisogna evitare un caos del genere, perche’ in questo modo una fetta consistente della popolazione umbra resterebbe esclusa dall’informazione locale. Marginalizzare quell’universo di piccoli e meno piccoli soggetti che garantiscono pluralita’, partecipazione e democrazia, sarebbe, infatti, una gravissima perdita per tutta la societa’ umbra”.(AGI)
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi