PIU’ LIBRI: FIERA LANCIA ALLARME, SENZA SOLDI NEL DECENNALE

‘SILENZIO DI COMUNE, REGIONE E PROVINCIA’

(ANSA) – ROMA, 9 NOV – Compie dieci anni ‘Più libri più liberi’, la fiera nazionale della piccola e media editoria, e invece di festeggiare rischia di chiudere o di lasciare Roma, dove è nata. A un mese dall’apertura, il 7 dicembre, dell’edizione 2011, è l’allarme lanciato dagli organizzatori, “mancano i finanziamenti, pari l’anno scorso a 420 mila euro, di Regione (220 mila euro), Provincia (100 mila euro) e Comune (100 mila euro), ed è emergenza sul silenzio istituzionale. Hanno riconfermato invece il contributo il Ministero per i Beni e le Attività  Culturali (200 mila euro) e la Camera di Commercio di Roma (60 mila euro). La manifestazione costa complessivamente 1 milione e 300 mila euro”. Marco Polillo, presidente dell’Associazione Italiana Editori, che promuove la Fiera, spiega che per questa edizione “l’Aie farà  giganteschi sacrifici, ma lo sforzo di coprire in qualche modo questi tagli non si potrà  ripetere”. Un mese fa è stata inviata una lettera, rimasta senza risposta, al sindaco di Roma, Gianni Alemanno e alla presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, sottolinea Polillo, e domani è pronta a partire un’altra lettera per cercare di rompere questa assenza di dialogo. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo