INTERNET: E-COMMERCE ACCELERA, TRAINANO GROUPON E AMAZON

IN ITALIA A 8 MILIARDI (+20%), ACQUISTI MOBILE +210%, MODA +38%

(di Titti Santamato) (ANSA) – ROMA, 10 NOV – Accelera l’eCommerce in Italia nonostante la crisi: il settore supera quota 8 miliardi di euro e cresce del 20% rispetto al 2010, trainato dai nuovi fenomeni come Groupon. Per il terzo anno consecutivo crescono più i prodotti (+24%) che i servizi (+18%), mentre i comparti che fanno registrare la crescita più elevata sono moda (+38%), seguita da editoria, musica ed audiovisivi (+35%). Effetto Amazon nel nostro paese su informatica ed elettronica che segnano un +22%, il doppio rispetto allo scorso anno. Boom per acquisti ‘al volo’ su smartphone: +210% sul 2010. I dati sono contenuti in una ricerca presentata oggi dell’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm – School of Management del Politecnico di Milano, che conferma e migliora i dati diffusi a metà  anno. Secondo l’indagine a trainare il settore degli acquisti online è il boom dei siti che vendono coupon, Groupon in primis che ha da pochi giorni debuttato e bene in Borsa, ma anche Glamoo, Groupalia e LetsBonus, come pure l’ingresso nel nostro paese di nuovo attori come Amazon.it. “I nuovi fenomeni sono decisivi nell’accelerazione della crescita dell’e-commerce, sia per il valore assoluto con cui contribuiscono all’aumento del transato (400 milioni di euro circa, pari a quasi un terzo della crescita complessiva) sia per la capacità  di portare online nuovi acquirenti”, spiega Alessandro Perego, responsabile scientifico Osservatorio B2c Netcomm-Politecnico di Milano. Tra i settori che crescono di più ci sono anche le assicurazioni (+22%) e il turismo (+13%). Dalla ricerca – in collaborazione con CartaSi – emerge anche un’analisi degli acquirenti online: i ‘web shopper’ italiani, in crescita del 7% circa nel 2011, sfiorano quota 9 milioni e rappresentano quasi un terzo circa degli utenti Internet. Il 60% degli acquisti viene fatto al Nord, il 25% dal Centro e il 15% al Sud. La spesa annua online per acquirente passa dai 960 euro del 2010 ai 1050 euro del 2011 (+9% circa). E si calcola che entro fine 2011 verranno evasi 32 milioni di ordini, +26% su 2010. Boom degli acquisti online dagli smartphone sempre più diffusi: passa da 26 milioni a 81 milioni di euro, con una crescita del 210% rispetto allo scorso anno, pari all’1% delle vendite online. Infine, dalla ricerca emerge che nonostante la differenza con gli altri mercati europei sia ancora rilevante – il mercato italiano è un sesto di quello inglese (oltre 51 miliardi di euro), un quarto di quello tedesco (34 miliardi) e meno della metà  di quello francese (20 miliardi) – il nostro commercio elettronico rivela un buono stato di salute e cresce a ritmi quasi doppi rispetto a Regno Unito (+10%), Francia (+12%), Germania (+10%) e Usa (+11%). L’Export cresce del 32%: a incidere su questo dato i buoni risultati degli esportatori nel Turismo e Abbigliamento, settore che oltre confine realizza più del 50%. “Dal monitoraggio mensile dell’indice di soddisfazione dell’eCommerce italiano che conduciamo con Human Highway, risulta che ad ottobre i compratori online sono stati 9.2 milioni e che circa l’87% di essi ha dato valutazione superiore a 7 su 10 a questo canale che si conferma quello con il maggiore indice di soddisfazione per i compratori online rispetto a tutti gli altri – sottolinea Roberto Liscia, presidente di Netcomm -. Oggi più che mai, in un contesto di crisi globale che investe anche il nostro Paese, l’eCommerce non è più un’opportunità , ma diventa un’esigenza inderogabile per le imprese italiane che vogliano seriamente competere sui mercati internazionali”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)