- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

INTERNET: E-COMMERCE ACCELERA, TRAINANO GROUPON E AMAZON

IN ITALIA A 8 MILIARDI (+20%), ACQUISTI MOBILE +210%, MODA +38%

(di Titti Santamato) (ANSA) – ROMA, 10 NOV – Accelera l’eCommerce in Italia nonostante la crisi: il settore supera quota 8 miliardi di euro e cresce del 20% rispetto al 2010, trainato dai nuovi fenomeni come Groupon. Per il terzo anno consecutivo crescono più i prodotti (+24%) che i servizi (+18%), mentre i comparti che fanno registrare la crescita più elevata sono moda (+38%), seguita da editoria, musica ed audiovisivi (+35%). Effetto Amazon nel nostro paese su informatica ed elettronica che segnano un +22%, il doppio rispetto allo scorso anno. Boom per acquisti ‘al volo’ su smartphone: +210% sul 2010. I dati sono contenuti in una ricerca presentata oggi dell’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm – School of Management del Politecnico di Milano, che conferma e migliora i dati diffusi a metà  anno. Secondo l’indagine a trainare il settore degli acquisti online è il boom dei siti che vendono coupon, Groupon in primis che ha da pochi giorni debuttato e bene in Borsa, ma anche Glamoo, Groupalia e LetsBonus, come pure l’ingresso nel nostro paese di nuovo attori come Amazon.it. “I nuovi fenomeni sono decisivi nell’accelerazione della crescita dell’e-commerce, sia per il valore assoluto con cui contribuiscono all’aumento del transato (400 milioni di euro circa, pari a quasi un terzo della crescita complessiva) sia per la capacità  di portare online nuovi acquirenti”, spiega Alessandro Perego, responsabile scientifico Osservatorio B2c Netcomm-Politecnico di Milano. Tra i settori che crescono di più ci sono anche le assicurazioni (+22%) e il turismo (+13%). Dalla ricerca – in collaborazione con CartaSi – emerge anche un’analisi degli acquirenti online: i ‘web shopper’ italiani, in crescita del 7% circa nel 2011, sfiorano quota 9 milioni e rappresentano quasi un terzo circa degli utenti Internet. Il 60% degli acquisti viene fatto al Nord, il 25% dal Centro e il 15% al Sud. La spesa annua online per acquirente passa dai 960 euro del 2010 ai 1050 euro del 2011 (+9% circa). E si calcola che entro fine 2011 verranno evasi 32 milioni di ordini, +26% su 2010. Boom degli acquisti online dagli smartphone sempre più diffusi: passa da 26 milioni a 81 milioni di euro, con una crescita del 210% rispetto allo scorso anno, pari all’1% delle vendite online. Infine, dalla ricerca emerge che nonostante la differenza con gli altri mercati europei sia ancora rilevante – il mercato italiano è un sesto di quello inglese (oltre 51 miliardi di euro), un quarto di quello tedesco (34 miliardi) e meno della metà  di quello francese (20 miliardi) – il nostro commercio elettronico rivela un buono stato di salute e cresce a ritmi quasi doppi rispetto a Regno Unito (+10%), Francia (+12%), Germania (+10%) e Usa (+11%). L’Export cresce del 32%: a incidere su questo dato i buoni risultati degli esportatori nel Turismo e Abbigliamento, settore che oltre confine realizza più del 50%. “Dal monitoraggio mensile dell’indice di soddisfazione dell’eCommerce italiano che conduciamo con Human Highway, risulta che ad ottobre i compratori online sono stati 9.2 milioni e che circa l’87% di essi ha dato valutazione superiore a 7 su 10 a questo canale che si conferma quello con il maggiore indice di soddisfazione per i compratori online rispetto a tutti gli altri – sottolinea Roberto Liscia, presidente di Netcomm -. Oggi più che mai, in un contesto di crisi globale che investe anche il nostro Paese, l’eCommerce non è più un’opportunità , ma diventa un’esigenza inderogabile per le imprese italiane che vogliano seriamente competere sui mercati internazionali”. (ANSA).