INTERNET:FALKVINGE DI PARTITO PIRATA, ITALIA CASO

GIA’ 50 PAESI VI SONO I PARTITI PIRATA CONTRO COPYRIGHT IN RETE

(ANSA) – TRENTO, 10 NOV – “Sono ormai 50 i paesi nel mondo dove sono sorti i partiti pirata per l’affermazione di Internet libero da copyright e da licenze di software, i paesi con regime democratico proporzionale sono i più fertili. Anche in Italia esiste dal 2008 il partito pirata e sta avanzando. Anche se l’Italia è un caso speciale perché il rapporto tra media e politici è simbiotico, e i vecchi politici non capiscono il movimento, pensano che sia una fase adolescenziale e non si rendono conto del cambiamento di stile di vita. Ci sono politici che si fanno stampare le e mail dalla segretaria e non vanno mai su internet”. Ad affermarlo oggi a Trento è stato Rick Falkvinge, fondatore del partito pirata svedese, anticipando all’ANSA parte del suo intervento previsto domani all’Internet Governance Forum 2011 Italia, organizzato dalla Provincia autonoma di Trento in collaborazione con l’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr di Pisa e la Fondazione Ahref. “La rete ha liberato un enorme potenziale che sarà  utilizzato al massimo man mano che le vecchie generazioni, che hanno usato il potere soprattutto dei media, scompariranno – ha proseguito Falkvinge – fino a 10 anni fa i mass media erano controllati da poche società , editori e agenzie in tutto il mondo, ora questi hanno perso potere con Internet e stanno attuando strategia di controllo anche dell’informazione in rete, oppure delle licenze di software e il copyright. Microsoft ha dato un contributo consistente a questo. Ma sono destinati a scomparire. Internet ha cambiato la nostra vita in un modo inimmaginabile: oggi è più facile che Google sappia prima dei nostri familiari e amici che abbiamo una malattia. Comunque ci sono due modi di usare il monopolio di Internet in modo negativo come l’obbligo di acquisto di licenza di software oppure positivo con l’open source come Linux e Wikipedia. Il capitalismo non capisce proprio perché oggi gruppi di persone si trovano su base di interessi comuni e per puro divertimento a creare dei prodotti no profit. Sta accadendo qualcosa di veramente grande. Internet è il più grande equalizzatore sociale mai inventato dall’umanità  e se pensiamo che ogni due giorni produciamo la stessa quantità  di informazioni che l’umanità  ci ha messo a produrre dalle origini fino al 2003 ci rendiamo conto dell’enorme potenziale”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)