Beauty contest digitale a rischio stop

MILANO (MF-DJ) – Da domenica prossima l’intero esecutivo sarà  dimissionario. E la procedura di assegnazione delle sei frequenze televisive in digitale terrestre ai dieci pretendenti può finire in un cassetto. Anche perché sul bando pendono ricorsi al Tar. La fine della missione del consiglio dei ministri, si legge su MF, potrebbe avere conseguenze sul bando, non certo una priorità  in questa fase di difficile transizione. Va detto, però, che l’esecutivo deve garantire la continuità  amministrativa della gestione, e quindi dare attuazione in qualche modo anche a questa operazione. L’eventuale rinvio della gara, o una sua ridefinizione, rappresenterebbe un danno potenziale per i broadcaster (Rai, Mediaset, T.I.Media, Sky Italia, Prima Tv, H3g, Tivitalia, Canale Italia, Dbox ed Europa Way) che hanno chiesto di partecipare all’assegnazione gratuita dei multiplex digitali. Una sfida ardua per i dieci pretendenti, quattro dei quali resteranno a bocca asciutta, al punto che T.I.Media, Sky e Tivuitalia hanno già  presentato ricorso al Tar.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi