Rai: Di Bella chiede più spazio all’informazione e minaccia le dimissioni

Roma, 11 nov. (TMNews) – Più spazio all’informazione, non solo di approfondimento. Un piano sul quale Antonio Di Bella ha lavorato da quando è rientrato alla Direzione di Raitre, e per il quale, a quanto si apprende, sarebbe pronto a rassegnare le dimissioni nel caso non venisse accettato. Opzione di cui il direttore avrebbe informato i vertici aziendali. Tra le proposte, la striscia d’informazione quotidiana al posto di Blob, per la quale si era fatto il nome di Lucia Annunziata, alcune seconde serate da affidare a Luisella Costamagna e il lunedì sera a Fabio Fazio. Di Bella sarebbe deciso ad andare fino in fondo perché il suo piano sull’informazione possa essere preso in considerazione. Il direttore di Raitre è in contatto con ivertici da ieri e un nuovo incontro dovrebbe svolgersi nel pomeriggio a Viale Mazzini. Al settimo piano si ritiene che la minaccia di dimissioni possa rientrare ma sono diversi gli scogli da superare, in primis la difficoltà  che la maggioranza opporrebbe ad alcune novità  che Di Bella vorrebbe introdurre: dalla striscia quotidiana di informazione alle 20 alle seconde serate di informazione, spazi che – pensati in primis per ‘bilanciare’ La7 – potrebbero creare problemi al Tg1 e a Raiuno.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi