Ad di Zynga ai dipendenti: “restituite azioni o vi licenzio”

New York, 10 nov. (TMNews) – Restituite le azioni o vi licenzio. E’ quanto ha detto Mark Pincus, amministratore delegato di Zynga, ai dipendenti. Il motivo, secondo fonti interne all’azienda interrogate dal Wall Street Journal, è semplice: lo sbarco in Borsa si avvicina e, in vista di un aumento del valore delle azioni, Pincus batte cassa. Da quando è stata fondata, nel 2007, la società  fornitrice di videogiochi per social network ha preferito consegnare azioni ai dipendenti piuttosto che alzare gli stipendi. Ma adesso, grazie a giochi come FarmVille e Mafia Wars, Zynga è diventata un colosso del web da circa 20 miliardi di dollari e lo sbarco in Borsa è alle porte. Così Pincus, pentito di avere consegnato ai dipendenti una fetta troppo grande del gruppo, ha iniziato a chiedere indietro le azioni ad alcuni, minacciando di licenziare chi si opponesse. Le indiscrezioni sull’atteso sbarco in Borsa, intanto, sono sempre più diffuse. L’offerta pubblica iniziale è prevista entro la fine dell’anno e la valutazione dell’azienda è tra 15 e 20 miliardi di dollari. Zynga punta così a replicare il successo di LinkedIn e Groupon, recentemente quotate con successo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)