BlackBerry perde l’applicazione Gmail di Google, continua il declino di Rim

New York, 10 nov. (TMNews) – Un altro colpo basso per Research in Motion, la società  canadese che produce il BlackBerry. A partire dal 22 novembre Google non offrirà  più l’applicazione Gmail per BlackBerry. Gli utenti dello smartphone che hanno già  scaricato l’applicazione potranno continuare a utilizzarla, ma chi volesse scaricarla in futuro non potrà  più farlo. In un comunicato pubblicato sul proprio sito internet, Google ha spiegato che si sta “concentrando per creare un’esperienza unica” per l’utente che accede a Gmail tramite il browser sul telefonino. Rim ha cercato di minimizzare l’impatto della scelta di Google dicendo che “dal 2009 è presente un supporto per Gmail incorporato” nel BlackBerry e che quindi scaricare l’applicazione di Google non è necessario. Come riporta il Wall Street Journal, la decisione di Google di non fornire più l’applicazione Gmail per BlackBerry arriva proprio mentre il gigante di Mountain View si sta focalizzando su un diretto concorrente di Rim: Apple. A inizio mese Google aveva svelato un’applicazione Gmail per il sistema operativo di Apple iOS utilizzato da iPhone, iPad e iPod touch. Ma dopo la scoperta di un baco che creava difetti, l’applicazione è tornata al vaglio di Google. Continua così il declino di Rim dopo lo scandalo del blackout che a metà  ottobre aveva causato disservizi per milioni di utenti BlackBerry in tutto il mondo. Secondo una ricerca condotta dal gruppo Idc,alla fine di giugno BlackBerry aveva l’11,6 per cento del mercato smartphone negli Stati Uniti, mentre cinque anni fa Rim aveva il 48 per cento di questo mercato.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)