Cinetel: completata la conversione telematica

ROMA (ITALPRESS) – Si e’ conclusa in questi giorni la migrazione ai sistemi di rilevazione del campione Cinetel. I dati giornalieri di spettatori ed incassi del campione di circa 3200 schermi, vengono ora raccolti telematicamente. Rimangono ancora rilevati con i vecchi sistemi manuali (telefono, fax, mail) un centinaio di schermi ai quali, per decisione del consiglio di amministrazione, verra’ concesso di adeguarsi entro il 31 dicembre. Molto soddisfatto l’amministratore delegato di Cinetel, Roberto Ferrari: “Abbiamo iniziato questa operazione a meta’ aprile e sinceramente non pensavamo di riuscire cosi’ in fretta a modificare le abitudini dei nostri colleghi esercenti. Voglio davvero ringraziare tutti per la pazienza e la collaborazione dimostrata. Cinetel e’ una cosa unica, non esiste uno strumento di misurazione cosi’ capillare e tempestivo che, a tariffe assolutamente competitive, fornisce un servizio quotidiano di tale efficienza, fra l’altro partecipato paritariamente da esercenti e distributori. Sono molto orgoglioso – conclude Ferrari – di questo ulteriore passo avanti”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo