TELECOM: MANGONI, LIQUIDITA’ A FINE ANNO BEN OLTRE 5 MLD

Condividi

(AGI) – Milano, 11 nov. – Telecom Italia chiudera’ l’anno con una liquidita’ “molto importante”, sopra i 5 miliardi di euro. Lo ha detto il direttore finanziario del gruppo, Andrea Mangoni, presentando in conferenza stampa i conti dei primi nove mesi del 2011. Per quanto riguarda il debito, Telecom conferma “nonostante i forti investimenti” il target di 29,5 miliardi a fine anno, escludendo l’impatto della gara per le frequenze che portera’ i dato a superare dei 30 miliardi (30,7 miliardi di euro). “La riduzione dei costi e dell’indebitamento – ha proseguito Mangoni – interessera’ anche la quarta parte dell’anno e quindi siamo molto soddisfatti. Ci sono dei momenti di turbolenza ma nonostante questo Telecom chiudera’ l’anno con una posizione di liquidita’ molto importante, ben oltre i 5 miliardi di euro e in grado di coprire le scadenze, che non sono preoccupanti”. C’e’ “molta soddisfazione” per i risultati realizzati nel terzo trimestre 2011, ha spiegato anche il presidente esecutivo del gruppo, Franco Bernabe’. “Abbiamo una situazione in cui tutti e tre i grandi mercati, Italia, Brasile e Argentina, stanno andando bene e performano in modo molto soddisfacente. Dal punto di vista finanziario – ha sottolineato – il debito per la prima volta da tantissimi anni e’ sceso al 30 settembre sotto la soglia psicologica dei 30 miliardi di euro. Guardiamo con molta soddisfazione ai risultati del trimestre, che testimoniano anche che il team e’ molto affiatato e sta lavorando molto bene. L’organizzazione uscita ad aprile dal rinnovo delle cariche sociali funziona bene e quindi – ha concluso – stiamo affrontando con grande efficacia i problemi che pure ci sono e che pure in questo contesto difficile dal punto di vista economico e politico non ci mancano”. (AGI)