WikiLeaks/ Usa: Twitter deve dare informazioni su tre utenti

Un giudice federale ha dato ragione al dipartimento di Stato

New York, 11 nov. (TMNews) – Un giudice federale ha ordinato a Twitter di consegnare al dipartimento di Giustizia americano informazioni su tre iscritti al microblog, indagati per possibili legami con WikiLeaks, il sito di Julian Assange che lo scorso novembre divulgò documenti segreti del dipartimento di Stato americano. Il caso aveva suscitato l’attenzione dei media perché il dipartimento di Giustizia aveva ricercato le informazioni senza un mandato di perquisizione. Sulla base di una legge del 1994, lo “Stored Communication act”, il governo ha chiesto a Twitter di fornirgli gli indirizzi Ip di Jacob Appelbaum, un americano esperto di sicurezza informatica, dell’olandese Rop Gonggrijp e di Birgitta Jonsdottir, un membro del parlamento islandese. Attraveso gli indirizzi Ip si può localizzare dove si trova il computer dal quale una persona ha acceduto a internet. Come riportato dal New York Times, Dopo essere stati informati da Twitter della richiesta da parte del dipartimento di Giustizia, i tre utenti si sono rivolti alla Corte distrettuale degli Stati Uniti di Alexandria, in Virginia, sotenendo che i loro indirizzi Ip fossero informazioni private e che la richiesta da parte del governo americano fosse troppo generica e non legata a WikiLeaks. Ma ieri il giudice Liam o’Grady ha detto che gli utenti di Twitter espongono “volontariamente” i loro indirizzi Ip quando creano un account sul microblog e quindi rinunciano alle loro aspettative sulla privacy. Twitter dovrà  dunque consegnare le informazioni su Appelbaum, Gonggrijp e Jonsdottir al governo americano.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)