RAI: GIULIETTI “NUOVO GOVERNO PENSI SUBITO A TOGLIERE PARTITI”

ROMA (ITALPRESS) – “Ci rendiamo conto che di fronte al rischio del fallimento dell’azienda Italia i problemi della Rai possono non interessare ed appassionare. Eppure i conti di questa azienda, l’annuncio di possibili tagli, la riduzione degli investimenti nei settori chiave, la drammatica situazione di tanti precari non possono che preoccupare chi ancora crede nei destini del servizio pubblico”. Lo afferma il portavoce di Articolo21 Giuseppe Giulietti.
“Al rischio di tracollo industriale e finanziario, si aggiunge il fallimento gia’ realizzato sul terreno del pluralismo editoriale con le espulsioni gia’ realizzate e con il tentativo goffo e maldestro di colpire la terza edizione degli appuntamenti regionali e persino l’autonomia di Rainews – aggiunge -, considerata una emittente a rischio perche’ si ostina a dare la parola a tutti e ad illuminare anche quello che dovrebbe restare oscurato e cancellato. Di fronte a questo fallimento annunciato un nuovo governo, se e quando ci sara’, non potra’ che affrontare questa emergenza e procedere alla immediata approvazione di una legge che metta il governo e i partiti fuori dal controllo diretto della Rai e la restituisca integralmente alla sua funzione di servizio pubblico. Per queste ragioni – conclude Giulietti – sin d’ora chiederemo alle commissioni di merito di procedere alla calendarizzazione di tutte le proposte di legge gia’ presentate e relative ai nuovi assetti della Rai e alla definizione dei nuovi criteri di nomina degli organismi di governo e di garanzia della Rai medesima”.
(ITALPRESS).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi