Tv: Cgil, “Rilanciare e valorizzare Rai News”

ROMA (ITALPRESS) – “La Rai è un’azienda in evidente difficoltà . Gli introiti pubblicitari e da canone calano, alcune delle trasmissioni e conduttori di maggiore successo non sono stati trattenuti, perdendo ascolti e ricavi. Il futuro dei lavoratori, in particolare dei precari è difficile. Per questo sarebbe assurdo disperdere anche altri punti di eccellenza come quello di Rai News”. Lo afferma in una nota Fulvio Fammoni, segretario confederale della Cgil. “L’informazione e l’approfondimento, compito proprio del servizio pubblico, salvo alcuni punti di eccellenza, sono in difficoltà  e da molti chiamati in causa per la non obbiettività  – spiega Fammoni -. E’ evidente che la linea industriale ed editoriale è sbagliata e perdente e che occorre una svolta radicale e generale”. “In questo ambito un caso positivo ed in controtendenza è rappresentato da Rai News, una rete che si è fatta apprezzare ed ha conquistato una patente di obiettività  fondamentale per una all news. Una rete già  di successo che può espandersi e può contribuire al futuro di tutta la Rai – spiega il sindacalista -. Nelle all news i pincipali concorrenti sono già  presenti o si apprestano ad entrare con grandi investimenti a conferma dell’importanza futura di questa forma di informazione televisiva – dice ancora Fammoni – La Rai possiede un canale che nella media degli ascolti giornalieri è già  la all news più vista e in alcune fasce orarie supera addirittura reti generaliste. E’ uno dei pochi casi in cui il servizio pubblico parte in vantaggio ed invece di consolidarlo, si creano polemiche, non si danno certezze alla redazione ed al direttore, ma soprattutto non si investe né in tecnologie né nelle risorse umane necessarie”. “Così si danneggia il servizio pubblico – conclude Fammoni – Adesso questa direzione e questo consiglio di amministrazione non hanno più alibi, compreso quello delle interferenze della politica, per dimostrare la propria autonomia e, se c’è, la volontà  di rafforzare il servizio pubblico”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo