Editoria: ‘Il Riformista’ in edicola con una nuova veste

ROMA (ITALPRESS) – “Un carattere più netto di un quotidiano di opinione fortemente impegnato in una battaglia politica per una sinistra riformista che opera nel quadro della sinistra europea”: così Emanuele Macaluso, direttore del Riformista, annuncerà  domani dalle colonne del suo giornale, la nuova veste con cui il quotidiano arancione si appresta ad andare in edicola dalla prossima settimana: otto pagine, stampate su una carta più robusta (e a un prezzo ridotto) per dare un’interpretazione originale e riformista alle notizie che in Italia, e nel mondo, vengono diffuse da grandi mezzi di comunicazione: “Esprimeremo meglio e con più puntualità  un punto di vista ‘nostro'”, spiega Macaluso, annunciando anche un’edizione domenicale, curata da Paolo Franchi, che riprenda la battaglia politico culturale portata avanti per 15 anni dalle Ragioni del Socialismo. Il direttore non nasconde che queste novità  sono dettate anche da difficoltà  economiche: “Noi siamo una cooperativa vera: dietro le nostre spalle non ci sono editori, imprenditori, lobbies, partiti. E non abbiamo la pubblicità  neanche da chi avrebbe dovuto sostenerci: il movimento cooperativo e i sindacati che fanno pubblicità  in tanti quotidiani. Paghiamo la nostra assoluta indipendenza”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo