GOVERNO: STAMPA ESTERA; VIA SILVIO, NUOVA ERA ITALIA

NYT, MA BERLUSCONI NON ESCE DI SCENA ;PAIS, LASCIATO PAESE A PEZZI

(di Michele Esposito) (ANSA) – ROMA, 13 NOV – “Addio Silvio. L’Italia pronta a una nuova era”. Nel ‘day after’ delle dimissioni di Silvio Berlusconi non cala l’attenzione della stampa estera sulla crisi del governo italiano. Dagli Usa alla Spagna, tanti i commenti che ripercorrono la biografia del “più influente politico dopo Mussolini”, l’uomo dalle “promesse non mantenute” e dalla ” politica personalistica”. Ma con le sue dimissioni il Cavaliere non esce di scena, concordano i quotidiani internazionali salutando tuttavia “il risveglio” a cui si prepara l’Italia. “Ciao Silvio, ora si passa al lavoro più duro” è il titolo del SUNDAY TIMES, secondo cui l’ex premier italiano viene visto come “un clown fallico fuori dal suo Paese” ma è riuscito a rimanere “sorprendentemente popolare al suo interno”. Secco il titolo dell’INDEPENDENT, “Arrivederci Silvio. Finalmente”, mentre il GUARDIAN titola “Silvio Berlusconi: una storia di promesse non mantenute”, e accusa il Cavaliere di “aver fatto molto per danneggiare la reputazione e prospettive del Paese”. Il DAILY TELEGRAPH osserva che il Berlusconi “può essere andato, ma non sarà  certo dimenticato”: la sua ricchezza, il monopolio delle tv commerciali, la proprietà  della squadra del Milan, i 4 processi in cui è coinvolto “continueranno ad incombere sull’Italia negli anni a venire”. Tuttavia “l’Italia non sarà  più la stessa senza Berlusconi e potrà  almeno riuscire a cominciare a ricostruire la reputazione a pezzi agli occhi del mondo”, è la conclusione del Telegraph. In Francia “Berlusconi si dice fiero della sua azione durante la crisi” è il titolo del sito di LE MONDE mentre LE JOURNAL DE DIMANCHE annuncia: “Berlusconi è finita. Monti è (quasi) cominciata”. E proprio sull’economista lombardo apre il tedesco HADELSBLATT con una foto del celebre personaggio dei videogiochi Super Mario Bros e il titolo: “Supermario deve fermare il crollo degli italiani”. Monti è “un uomo per la destra come per la sinistra”, osserva il domenicale del FRANKFURTER ALLGEMEINE, mentre la SUDDEUTSCHE ZEITUNG online titola: “Berlusconi, piani di rimonta”. In Spagna EL PAIS definisce Monti “Il gentleman tecnocrate”, ricorda che a Bruxelles qualcuno lo chiamava “Il Cardinale” e scrive: “L’Italia e l’Ue si devono preparare a un cambio radicale a Roma”. In un’analisi dal titolo “Lo specchietto magico si è rotto” si osserva come “la realtà  economica ha messo fine all’attrazione ipnotica che Berlusconi esercita sull’Italia. Caduto il sipario, resta un paese devastato”. Negli Usa il NEW YORK TIMES titola “Berlusconi, magnetico e che divide, la cui politica è sempre stata personale” e ricorda che le dimissioni “non cancellano la sua presenza dalla scena politica. Il suo partito è ancora forte”. Il Cavaliere, ricorda il Nyt, “sopra ogni cosa è stato un brillante comunicatore, ha detto agli italiani ciò che volevano sentirsi dire”. In Medio Oriente, infine, grande attenzione anche dal network AL JAZIRA che in un’analisi ripercorre gaffe e scandali dell’ex premier titolando: “La controversa eredità  di Berlusconi”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi