Internet: sito con offerte false, indagine della Procura di Roma

Roma, 14 nov. (TMNews) – In apparenza i software erano gratis. Ma in realtà  alla fine arrivavano le richieste di denaro. Il sito www.italia-programmi.net gestito dalla società  Estesa Limited, è oggetto di una inchiesta della Procura di Roma, che procede per tentata truffa o truffa a seconda dei diversi singoli episodi. Il fascicolo, allo stato ancora contro ignoti, è affidato ai pm Maria Teresa Gregori e Nicola Maiorano, del pool della criminalità  informatica del procuratore aggiunto Nello Rossi. Gli accertamenti sono portati avanti dalla polizia postale. Le verifiche sono partite dopo che all’autorità  garante della concorrenza e del mercato sono arrivate 4mila segnalazioni a partire dal maggio scorso. In sostanza, una volta inseriti i propri dati, il consumatore sottoscriveva sostanzialmente a sua insaputa, un contratto biennale con la società  Estesa Ltd, con sede nella Repubblica delle Seychelles, per la fornitura di software al costo annuale di 96 euro da pagare anticipatamente una volta l’anno. Il consumatore era di fatto indotto a credere che si trattasse di un servizio gratuito. I malcapitati non potevano neanche protestare con qualcuno: la società  in questione infatti non ha un call center, l’unico recapito è un indirizzo e-mail e il sito web è registrato nelle Seychelles. Nell’agosto scorso il Garante sostenne come quella della Estesa Limited fosse una pratica scorretta e che pertanto gli ignari utenti non fossero obbligati a pagare, intimando la società  a smettere di pubblicizzare come gratuito il servizio.
Gli inquirenti ora stanno seguendo la pista del denaro per risalire alle menti del raggiro. Per ora la traccia ha portato ad un conto corrente a Cipro.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)