- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

GRUPPO 24 ORE: BRILLA CRESCITA RICAVI DA VENDITE IN EDICOLA

(AGI) – Roma, 14 nov. – E’ positivo l’andamento dei ricavi da vendita in edicola del quotidiano Il Sole 24 Ore nel terzo trimestre 2011 (+17% a volumi rispetto al secondo trimestre di quest’anno) e degli abbonamenti (+1,5% a volumi rispetto al secondo trimestre). Anche le copie digitali sono in costante crescita (+213% rispetto al 2010 e +38,5% rispetto al secondo trimestre di quest’anno). E’ quanto si rileva nel Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre scorso del Gruppo 24 Ore. Il Resoconto e’ stato approvato dal cda riunito oggi sotto la presidenza di Giancarlo Cerutti.
Proseguendo nella disamina dei dati, si registra una flessione (-4,6%) della raccolta pubblicitaria prevalentemente nella locale e nei magazine di Gruppo. Performance di System superiori all’andamento di mercato (fonte Nielsen) nei quotidiani (-5,1% vs -5,6% di mercato), nella radio (+11,3% vs -5,5% del mercato), e in internet con Sole24ore.com (+16,2% vs +13,5% di mercato) Crescita di Radio 24 che incrementa i ricavi (+8% rispetto al 2010). In miglioramento anche l’Agenzia Radiocor (+2,3% rispetto al 2010). Positiva performance dell’area Digital: ricavi in crescita del +6% rispetto al 2010. I ricavi digitali di Gruppo crescono al 24% dei ricavi consolidati (23% del 2010) Miglioramento rispetto ai primi nove mesi del 2010 dell’area Professionale (ricavi +1%), in particolare nella business unit Formazione (+30%). Crescita dell’11% dei ricavi dell’area Cultura rispetto al 2010. Posizione Finanziaria Netta positiva per 54 mln (84 mln al 31 dicembre 2010).
“L’intensa e costante rifocalizzazione degli asset editoriali del Gruppo 24 Ore sui propri punti di forza tradizionali a partire dal Quotidiano, nonche’ la crescita dei business radiofonici, digitali, della formazione e della cultura, tutto cio’ unitamente al forte contenimento dei costi, ha consentito di accelerare il rilancio migliorando sensibilmente i nostri risultati economici”, commenta Cerutti. (AGI)