La Carta dei doveri dei giornalisti degli uffici stampa

Il 10 novembre 2011, a Roma, il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti ha approvato la Carta dei doveri dei giornalisti degli uffici stampa. Dopo ben undici anni dall’approvazione dalla legge 150/2000, il seguente documento sollecita la Federazione della Stampa, i Sindacati Confederali e l’Aran a definire il profilo dei giornalisti degli uffici stampa, al fine di completare l’applicazione della suddetta legge e dare maggiore dignità  ed autonomia professionale all’attività  giornalistica, anche attraverso un’armonizzazione dei contratti di lavoro. La carta promuove incontri con la Conferenza Stato-Regioni e altre iniziative parlamentari finalizzate all’aggiornamento della legge 150/2000, rendendo obbligatoria e non facoltativa l’istituzione di uffici stampa nelle amministrazioni pubbliche con la presenza di giornalisti iscritti all’Albo. Il documento intende, inoltre, favorire l’accesso dei giornalisti nelle pubbliche amministrazioni, a cominciare dalla definizione di un bando virtuale che fissi regole trasparenti ed omogenee per i concorsi nella P.a.

La Carta dei doveri dei giornalisti degli uffici stampa (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Dl agosto in Gazzetta Ufficiale. Credito di imposta su pubblicità e carta e contributi diretti, cosa cambia per il settore editoria

Dl agosto in Gazzetta Ufficiale. Credito di imposta su pubblicità e carta e contributi diretti, cosa cambia per il settore editoria

Audipress, cresce la lettura in digitale (+9,1%), un italiano su tre legge (almeno) un quotidiano. Mauri: serve misurazione integrata carta e digitale

Audipress, cresce la lettura in digitale (+9,1%), un italiano su tre legge (almeno) un quotidiano. Mauri: serve misurazione integrata carta e digitale

A luglio si dimezza perdita fatturato dei libri. Aie: mercato vale 533 milioni. Boom e-commerce in lockdown, ora in recupero librerie

A luglio si dimezza perdita fatturato dei libri. Aie: mercato vale 533 milioni. Boom e-commerce in lockdown, ora in recupero librerie