- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

Rai: giornalisti e lavoratori sede Sicilia manifestano a Palermo

PALERMO (ITALPRESS) – “Anche Rai Sicilia, come e piu’ delle altre regioni, da anni subisce il depotenziamento del servizio pubblico Rai, con la riduzione di produzioni e spazi informativi”. Cosi’ i lavoratori della sede siciliana della Rai, che aderiscono alla manifestazione nazionale “Riprendiamoci la Rai”, promossa dal sindacato dei giornalisti Rai, Usigrai. Manifestazione che a Palermo e’ stata organizzata insieme a Cgil Slc, Fistel Cisl, Uil Comunicazione, Snater radiotelevisione, Ugl telecomunicazioni Rai. I lavoratori della Rai siciliana, che hanno voluto incontrare ai Cantieri Culturali della Zisa i cittadini e il mondo delle istituzioni, della societa’ civile, della cultura, dello sport e dello spettacolo, chiedono “il rilancio della Rai nel territorio, con particolare attenzione alla qualita’ del servizio pubblico offerto” e respingono qualsiasi “piano industriale che preveda tagli di personale e affidamenti esterni di servizi svolti sino ad oggi dall’azienda: Raiway (diffusione e trasmissione del segnale radiotelevisivo); Abbonamenti (rischio esternalizzazione del servizio); Produzione (azzeramento e mancato adeguamento dei mezzi tecnici)”. “Smantellare la Rai – dicono – significa buttare al vento una storia costruita in oltre mezzo secolo da donne e uomini che hanno contribuito alla crescita della Regione e dell’Italia”. “Per rilanciare la sede regionale della Rai siciliana e per contribuire ad una battaglia nazionale contro lo smantellamento dell’azienda e del servizio pubblico”, i lavoratori avviano da oggi una fase di mobilitazione, si costituiscono in coordinamento permanente intersindacale e chiedono il sostegno di tutte le forze politiche, culturali e sociali siciliane