TLC: ANTITRUST AD AGCOM, TROPPI RITARDI SU TARIFFE TERMINAZIONE

Condividi

(AGI) – Roma, 17 nov. – Lo schema di riduzione delle tariffe di terminazione mobile predisposto dall’Agcom e’ “apprezzabile” anche se “l’allineamento ai costi avverra’ con circa due anni di ritardo rispetto alla data indicata dalla Commissione europea (31 dicembre 2012) e che, nel frattempo”, l’importo delle tariffe “rimarra’ ad un livello piu’ alto rispetto a quello praticato in numerosi Paesi europei, tra cui Francia, Regno Unito e Germania”. E’ quanto scrive – in uno dei suoi ultimi atti da presidente dell’Antitrust – Antonio Catricala’, al presidente dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni, Corrado Calabro’. Una lettera, dello scorso mese di luglio, inviata dall’Antitrust in risposta alla richiesta di parere formulata dall’Agcom in merito alla proposta di decisione che prevede il raggiungimento di 0,98 eurocent nel 2015. “Inoltre – prosegue Catricala’ – sulla base del nuovo percorso di riduzione delle tariffe (glide path), viene posticipata di 18 mesi la data di raggiungimento della piena simmetria delle tariffe di terminazione su rete mobile, originariamente prevista per il 1* luglio 2012”. (AGI)