RAI: CDA, MANDATO A DG PER LIMITARE MISURE ANTICRISI

(ANSA) – ROMA, 17 NOV – Un mandato al direttore generale Lorenza Lei a presentare entro la prossima settimana un piano con pochi punti concreti per risollevare in tempi ragionevoli i conti aziendali è stato dato – secondo quanto si apprende – dal consiglio di amministrazione della Rai, che ha discusso il progetto di risanamento presentato dal vertice aziendale. Diversi consiglieri avrebbero criticato l’eccessiva ampiezza del piano presentato dalla Lei, propendendo per l’individuazione di misure limitate. Il piano potrebbe essere messo al voto la prossima settimana. Dal consiglio sarebbe venuta comunque la richiesta di concordare preventivamente le misure con le strutture interessate e con i sindacati. L’opinione prevalente sarebbe stata di superare l’impostazione del piano industriale presentato dall’ex dg Mauro Masi, che – come sarebbe stato sottolineato – è rimasto inattuato, per tentare di realizzare, proprio in virtù della straordinarietà  del progetto che la Lei vuole realizzare, pochi interventi in tempi ragionevoli. Diverse ipotesi sono state avanzate dai consiglieri, ma l’orientamento prevalente sembrerebbe escludere esuberi, esternalizzazioni o cessioni di aziende, per concentrarsi su risparmi da attuare all’interno della società . Il dg sarebbe intervenuto al termine della riunione, prendendo atto delle proposte. Nel corso della riunione si è discusso anche della scelta dei sindacati del personale non giornalistico di avviare le procedure di sciopero. Una scelta ritenuta dai più – a prescindere dalle valutazioni sulle singole rivendicazioni – prematura, considerato che le misure da attuare devono essere ancora individuate. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi