Relazione del presidente dell’Odg Iacopino (11 novembre 2011)

Durante la riunione dell’8, 9 e 10 novembre 2011 il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti ha manifestato forti preoccupazioni per le conseguenze del maxi emendamento sulla riforma degli Ordini professionali. L’Odg è consapevole delle pressioni che arrivano dall’Europa, in tema di liberalizzazione delle professioni, ma è preoccupato che una materia così delicata venga affrontata senza valutare pienamente il ruolo di garanzia deontologica rappresentato dall’Ordine. Il Consiglio ha creato un gruppo di lavoro che, in tempi strettissimi, offrirà  alla valutazione di chi sarà  chiamato a mettere a punto il previsto decreto del Presidente della Repubblica gli elementi necessari per un provvedimento che segni la specificità  dell’informazione, rispetto ad altri settori tutti rispettabili e meritevoli di tutele. I giornalisti hanno doveri in più ed è necessario che su questi doveri vigili un Ordine che ha dimostrato di sapere intervenire, tra l’altro, tutelando la deontologia, imponendo il rispetto dei minori e delle parti più fragili della società , adottando misure che stabiliscono regole severe proprio a tutela dei diritti dei cittadini. L’ultima riunione del Consiglio è stata soprattutto un’ occasione per fare un bilancio del lavoro svolto dall’inizio della consiliatura, bilancio che emerge dalla relazione del presidente Enzo Iacopino. Diversi i punti affrontati nel corso della relazione. Si parte dalla Carta di Firenze, la carta che è stata siglata con la Fnsi per tutelare la categoria degli “ultimi”: i giornalisti precari, i freelance. Anche la battaglia, non ancora conclusa, contro il provvedimento sulle intercettazioni, la legge bavaglio è al centro della relazione di Iacopino. Si toccano, infine, i temi legati alla formazione e all’intervento fatto nei confronti della riforma sulla liberalizzazione dell’accesso alle professioni se si considera la specificità  dell’Ordine dei giornalisti.

– Relazione presidente Odg – 11 novembre 2011 (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nel 2020 quasi 400 giornalisti sono detenuti nel mondo. Rsf: numeri stabili, ma con Covid più arresti arbitrari

Nel 2020 quasi 400 giornalisti sono detenuti nel mondo. Rsf: numeri stabili, ma con Covid più arresti arbitrari

Digital Services Act, le associazioni culturali al commissario Gentiloni: testo debole su contrasto a pirateria e contraffazione. Ue cambi rotta

Digital Services Act, le associazioni culturali al commissario Gentiloni: testo debole su contrasto a pirateria e contraffazione. Ue cambi rotta

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica