‘Social recruiting survey1: Il 15% degli americani ha trovato lavoro grazie ai social network

Oltre 22 milioni di americani hanno usato i social network per cercare lavoro nel 2011 e una persona su sei, oltre il 15%, dice di averlo trovato proprio in questo modo. Secondo una ricerca condotta da Jobvite, una piattaforma che fornisce servizi per assunzioni online, il 54% di chi cerca lavoro usa Facebook, LinkedIn e Twitter per le ricerche. L’86% degli americani in cerca di lavoro è iscritti a un social network. Coloro che hanno oltre 150 contatti sono considerati “super sociali” e hanno migliori possibiltà  di trovare un impiego attraverso i social network. Il 41% di chi ha cercato lavoro nel 2011 è “super sociale” almeno in un social network, primo tra tutti Facebook. Tra coloro che hanno cercato lavoro quest’anno l’84 per cento ha un profilo su Facebook, il 39% su Twitter e il 35% su Linkedin. E Facebook è il più citato tra i social network come fonte per trovare lavoro. 18,4 milioni di americani hanno detto che Facebook è stata la risorsa che li ha portati a trovare un impiego, mentre oltre 10 milioni hanno citano LinkedIn e 8 milioni Twitter. Mentre gli utenti preferiscono Facebook, le aziende preferiscono LinkedIn. Dalla ricerca condotta da Jobvite l’anno scorso emerge che le aziende usavano principalmente LinkedIn per assumere nuovo personale (78%), e in secondo luogo Facebook (55%) e Twitter (45%). (Tm News)

– Social Recruiting – Survey Results 2011 – Jobvite (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Covid: oltre 70mila contenuti generati online dalle parole dei virologi. Reputation Science: troppe informazioni, tra incoerenza e divergenze

Covid: oltre 70mila contenuti generati online dalle parole dei virologi. Reputation Science: troppe informazioni, tra incoerenza e divergenze

L’odio online corre soprattutto su Twitter. Mappa Vox dell’intolleranza: con pandemia rallenta, ma si radicalizza; donne i primi bersagli

L’odio online corre soprattutto su Twitter. Mappa Vox dell’intolleranza: con pandemia rallenta, ma si radicalizza; donne i primi bersagli

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica