Rapporto Istat: bambini più tecnologici, cresce internet

Istat: 86% degli 11-13enni usa cellulare, cresce anche internet

Roma, 18 nov. (TMNews) – Cellulare, pc e internet. I ragazzi italiani, anche giovanissimi, sono sempre più tecnologici e utilizzano sempre di più le nuove tecnologie con impatti significativi sulle dimensioni delle relazioni sociali, dell’apprendimento, della fruizione culturale e del gioco. Resistono però i giochi tradizionali. Secondo il rapporto dell’Istat ‘Infanzia e vita quotidiana 2011’, negli ultimi anni cresce soprattutto l’uso del cellulare tra i giovanissimi: considerando gli 11-17enni tra il 2000 e il 2011 si è passati dal 55,6% al 92,7%. La crescita maggiore si è verificata tra i più piccoli. La quota di ragazzi tra gli 11 e i 13 anni che utilizza il cellulare è passata, infatti, dal 35,2% al 86,2%, mentre tra i 14 e i 17 anni dal 70,4% al 97,7%. Nel 2011 il 67,3% dei bambini e ragazzi di 6-17 anni utilizza il cellulare e il 56,4% ne possiede uno tutto per sé. Il cellulare non si usa solo per telefonare. Tra le funzioni utilizzate del cellulare al primo posto si colloca il telefonare (93,1%), a brevissima distanza l’invio/ricezione messaggi (83,3%). Oltre la metà  dei bambini e ragazzi tra i 6 e i 17 anni gioca con il cellulare, il 48,0% cambia suonerie e il 47,4% fa uso della rubrica telefonica, il 46,6% ascolta musica. Al settimo posto tra le funzioni utilizzate si colloca fare/ricevere foto (41,7%), seguito dal fare squilletti (38,1%). Con percentuali più basse ma comunque di interesse emergono: inviare e ricevere filmati (13,2%), utilizzare l’agenda diario (13,1%), collegarsi a internet (11,6%) e registrare conversazioni (10,9%). Dal 2001 al 2011 aumentano anche bambini e ragazzi che usano pc e internet. Quelli tra i 3 e i 17 anni che usano il personal computer sono passati dal 55,8% al 62,1% e l’utilizzo della Rete tra i bambini e i ragazzi di 6-17 anni è passato dal 34,3% al 64,3%. L’uso del pc aumenta al crescere dell’età : tra i bambini di 3-5 anni solo il 17,7% usa il pc, tra i 6 e i 10 anni oltre la metà  dei bambini (56,7%) lo fa, tra gli 11 e i 13 anni l’80,2% e tra i 14 e i 17 anni l’88,4%. E se aumenta la quota di bambini da 3 a 5 anni che usano i videogiochi e il computer per giocare, in testa alla graduatoria dei giochi preferiti dai bambini restano però i giochi tradizionali: nei bambini da 3 a 5 anni bambole per le femmine (86,4%) e automobiline, trenini o simili per i maschi (77,3%); tra i 6 e i 10 anni il 77,7% delle femmine continua ad amare il disegno, mentre tra i maschi il 74,2% ama giocare a pallone ed emergono nettamente i videogiochi (65,8%).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi