TLC: WIND, TAGLIO TARIFFE TERMINAZIONE NON E’ BUON SEGNALE

RISCHIO PER SVILUPPO INFRASTRUTTURE SETTORE, VALUTEREMO MISURE

(ANSA) – ROMA, 18 NOV – La decisione adottata dall’Agcom sul taglio delle tariffe di terminazione mobile “non è un buon segnale per l’Italia perché non coerente con l’obiettivo di varare misure utili ad attrarre capitali e finanziamenti privati, soprattutto esteri”. Così Wind sull’esito del Consiglio di ieri dell’Autorità  per le comunicazioni che ha accelerato sulla riduzione delle tariffe. Secondo l’operatore, “le nuove misure condizionano il finanziamento di progetti di sviluppo infrastrutturale nelle tlc in grado di fornire una spinta propulsiva, tanto auspicata, all’economia italiana. Il rapido taglio delle tariffe di terminazione determina, in particolare, il rallentamento del programma di crescita dell’Agenda digitale in termini così come l’indebolimento di operatori competitivi come Wind, unica azienda di tlc in crescita”. L’impatto sui flussi di cassa del settore nell’arco di tempo considerato (2012/2013) “é nell’ ordine di centinaia di milioni di euro e, quindi, tale da incidere sulla redditività  degli investimenti fatti e tale da condizionare negativamente quelli ancora da realizzare per la costruzione della nuova rete mobile a banda ultra larga”. In questo contesto Wind valuterà , pertanto, tutte le misure, eventualmente anche drastiche, necessarie a garantire il mantenimento della sua posizione di mercato ed a tutelare il valore per gli azionisti. Allo stesso tempo Wind chiede, in coerenza con i recenti pronunciamenti della Ue, una rapida e sensibile riduzione delle tariffe di accesso alla rete in rame. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci