TV: RUFFINI, DANDINI? LA SATIRA E’ ORMAI SOLO SU LA7

(ANSA) – ROMA, 21 NOV – “Il programma di Serena Dandini conterrà  tanta satira e molte parodie. Ed ormai la satira è praticamente solo su La7”. Così il direttore di La7 Paolo Ruffini commenta l’arrivo sulla rete il sabato sera di uno show di Serena Dandini. “C’é un po’ di satira su Mediaset – prosegue Ruffini in un colloquio con l’ANSA – E’ vero che su Rai1 c’é Fiorello per qualche serata, ma è una cosa diversa in termini di costi rispetto ad una produzione come quella della Dandini. Sono altre categorie”. Anche Rai3, diretta da Ruffini sino a qualche mese fa, non ha più la programmazione satirica che la caratterizzava negli anni passati. “Sono sicuro, però, che si inventeranno qualcosa”, sostiene Ruffini. “Il fatto che La7 faccia uno show il sabato sera in prime time è già  di per sé una grande novità  – aggiunge Ruffini -. E’ un cambiamento paragonabile a quello che successe quando Rai2 fece l’altra domenica rispetto a quella di Rai1. Ora c’é un’offerta classica nel sabato di prime time, l’idea è di offrire un’alternativa”. “Sono contento di questo arrivo, perché la rete si sta rafforzando sempre più – aggiunge l’ex direttore di Rai3 – e nel corso della stagione avremo Fazio e Saviano, Marco Paolini, e a dicembre partirà  Antonello Piroso la domenica pomeriggio”.   (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi